Giovedì, 13 Luglio 2017 14:21

Bibite dietetiche a zero calorie con dolcificanti artificiali fanno male? Sono cancerogeni? Causano tumori?

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)

Dolcificanti nella dieta per dimagrire

Una dieta per dimagrire può essere molto pesante psicologicamente e le bibite a zero calorie possono regalare qualche attimo di soddisfazione mandando in estasi le papille gustative senza sensi di colpa per poi pensare: "Grasso ti ho fregato".

I dolcificanti artificiali contenuti nelle bibite sono dannosi?

Molti giornalisti della CNN parlando delle bibite a zero calorie con dolcificanti artificiali dicono: "Quando abbiamo visto un nuovo studio atto a dimostrare che le bevande con dolcificanti artificiali sono dannose come le bevande zuccherate, noi ci posti molte domande.
Quanto sono sicuri i dolcificanti artificiali utilizzati nelle bibite e nel cibo? fanno ingrassare? Quant'è la quantità che non fa male? La scienza cosa dice?" Anche noi vogliamo vederci chiaro.

Quali sono i dolcificanti artificiali?

Ogni dolcificanti ha una composizione chimica differente. Tra questi abbiamo il potassio acesulfame, l'Aspartame, la saccarina e il neotame.
L'aspartame è il più utilizzato nelle bevande analcoliche dietetiche ed è composta da due amminoacidi , l'acido aspartico e la fenilalanina.
Vi è anche lo Splenda che viene creato sostituendo l'idrogeno e l'ossigeno delle molecole di zucchero con atomi di cloro.

"Ogni dolcificante ha un sapore diverso ed effetti diversi sulle persone che reagiscono in modo diverso a ciascun dolcificante", dice Barry Popkin, professore di nutrizione presso la Scuola Gillings of Public Health presso l'University of North Carolina.

Come fanno i dolcificanti artificiali naturali?

Anche se i consumatori possono percepire che i dolcificanti "naturali" sono più sicuri, i prodotti come succhi di frutta, melassa, miele e sciroppo d'acero sono spesso elaborati e raffinati, in base a quanto detto dalla Mayo Clinic .
Prodotti come la Stevia che viene presentato come dolcificante naturale, viene elaborata e raffinata prima di essere venduta al pubblico. Ciò che differisce è il modo in cui il corpo processa dolcificanti naturali e artificiali.

Come funzionano i dolcificanti?

In sostanza, il corpo utilizza dei recettori per rilevare la dolcezza, secondo Eric Walters, autore di The Book of dolcificanti. In altre parole, i recettori del gusto dolce non sono molto sensibili. In realtà reagiscono a grandi quantità di zuccheri.

Invece, "i dolcificanti artificiali sono diversi e stimolano i recettori del gusto dolce con una quantità molto più piccola" rispetto allo zucchero.

I dolcificanti artificiali causano il cancro?

Non v'è alcuna chiara evidenza che i dolcificanti artificiali possono causare il cancro negli esseri umani, secondo il National Cancer Institute degli Stati Uniti (INC). Le preoccupazioni del pubblico sembra derivare da studi precedenti in cui il rapporto è stato studiato in ratti (non umani) e utilizzando dosi estremamente elevate.

I dolcificanti sono meglio o peggio dello zucchero?

Qui casca l'asino: "Diversi dolcificanti hanno vantaggi e svantaggi diversi. Se siete preoccupati per le calorie, state lontano da zucchero e usate i dolcificanti. Se siete più preoccupati per la qualità del sapore, lo zucchero di solito ha un sapore migliore rispetto ai dolcificanti artificiali.Se siete preoccupati per la salute eliminateli entrambi. Tuttavia le contro indicazioni dello zucchero al momento sono quelli più certi e dimostrati.


Effetti collaterali dei dolcificanti artificiali

Alcuni dolcificanti artificiali possono avere lievi effetti collaterali. Se, ad esempio, si consuma molto sorbitolo (un dolcificante), può causare gas e diarrea, perché il corpo non digerisce bene.
I dolcificanti artificiali non hanno calorie, in questo modo possano aiutare a perdere peso. Tuttavia, bisogna gestire bene il deficit calorico per non incorrere in altre problematiche che possono essere contro producenti per il dimagrimento. ( come il rallentamento del metabolismo e il rilascio di ormoni come il cortisolo che è un nemico del dimagrimento).

Gli scienziati della Purdue University pensano che utilizzare questo "trucco" con le bibite a zero calorie ingerendo zucchero artificiali fingendo di dare vero zucchero al corpo, non ottenendo quello che si aspetta, il corpo è confuso e non sa come reagire.
Questo significa che se si assumono regolarmente bevande con dolcificanti, quando si assumerà zucchero vero, il corpo potrebbe non rilasciare l'ormone che regola la concentrazione di zucchero nel sangue e la pressione sanguigna (l'insulina).

In sostanza, la gente più salutista sta eliminando il consumo di qualsiasi tipo di dolcificante. Ma se vi piace il dolce, potrebbe essere difficile da attuare.

Quindi, quanto è troppo il consumo di dolcificante?

La FDA raccomanda di consumare non più di 50 milligrammi di aspartame per chilogrammo o di peso corporeo al giorno. Ciò equivale a 22 lattine di bibite a zero calorie con dolcificante artificiale nel caso di un uomo che pesa 80 chili e 15 lattine nel caso di una donna che pesa 55 chili.
Se si consumano cinque o sei lattine al giorno, si potrebbero avere più problemi per la troppa caffeina, taurina o altre sostanze contenute nelle bibite come cola o energy drink che per i dolcificanti. Tuttavia bisogna precisare che gli studi condotti fino ad ora non sono sufficienti per dare indicazioni più dettagliate.

Conclusione

Come con la maggior parte delle cose nella vita, i dolcificanti artificiali non sono pericolosi se vengono consumati con moderazione.
I ricercatori continuano a cercare la risposta a queste domande e noi continueranno a segnalare le più recenti scoperte.

Letto 182 volte Ultima modifica il Giovedì, 13 Luglio 2017 15:11

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner.